venerdì 19 dicembre 2008

VENERDI 19










U-S-U-H-A-I-A!!!! Che vuol dire ....Arrivatooo ..la fine del mondo e qui!!! non so se servono ulteriori commenti....................................................................................................


....................................................................................................................


....................................................................................................


....................................................................................................





un po devo dire che dopo tante prolisse frasi scritte qui nel blog ora mi mancano un po le parole...e una bella emozione...ma non tanto perche si e arrivati all'impresa..perche le imprese sono ben altre( l'amico giapponese dell'altro giorno..quello si ha fatto l'impresa..non certo io!) ..questo e un viaggetto da niente ( e viaggiare e scoprire vale con tutti i mezzi..perche il viaggio e viaggio non a seconda di con che mezzi lo fai..ma con che testa lo fai!!) ...ma mi da soddisfazione comunque...mi da soddisfazione perche nel piccolo ha avuto dentro di tutto...avventure piu o meno grandi..incontri piu o meno coinvolgenti ed interessanti..ma comunque intensi...perche in un modo o nell'altro (non perfettamente come volevo) ha seguito il piano di partenza...e soprattutto perche ha avuto tanta gente come i "famosi 17" + X quindi tutti voi che mi hanno inaspettatamente seguito!!!

Arrivare a ushuaia non e stato come una passerella dei grandi giri..in cui l'ultima tappa e quella dei saluti e delle chiacchere...del prosecco bevuto correndo o delle pacche sulle spalle...è la fine del mondo e questo sembra richieda un ultimo particolare sforzo..perche...arrivi li dove non si dovrebbe...dove a chi passa viene chiesto un pegno particolare...dove l'essere umano in quanto tale deve piegarsi per arrivare....deve riconoscere la maestosita della natura...cosi dopo una partenza tranquilla ecco arrivare il passo garibaldi...500 mt da scalare con vento contrario...poi discesa...vento contro che al massimo pedalando si fanno i 25 orari...e ancora un su e un giu..un su..un su..e un giu..un su un su un su...e ti chiedi se per caso non hai sbagliato strada e non stai andando al machu pichu..ma Usuhaia non era sul mare?!?!? ;)) ...il vento almeno ti lascia un po tranquillo sulle salite...come quando da bambino giochi con quelli piu grandi ...e ti dicono..parti 10 secondi prima che tanto ti raggiungo..o iniziamo da 2 a 0!! beh...ti raggiunge in un istante...arrivi alla sommita sfinito e per scnendere..beh..nemmeno pedalando..!!..ti scanni per salire e poi nemmeno la soddisfazione di tirare il fiato in discesa...ma non devi prenderla di petto..ti fai ancora piu male..accetti e prosegui...chi la dura la vince...poi...quasi per completare l'opera inizia a piovere...mancano 20 km ma sembrano non finire mai..ma se la guardi diversamente non e' pioggia..sembra quasi una spruzzata di benvenuto..un pioggerellina finissima che sembra accoglie chi e riuscito ad arrivare fino a qui...una sorta di celebrazione e di gratificazione per tutta la fatica e per tutta passione messa fino a questo punto!!Perche quando vivi a stretto contatto con la natura giorno dopo giorno...e ti governa ogni momento della giornata alla fine ti restituisce quello che hai dato..tutto..ogni singolo momento..con delle sensazioni forti ed indimenticabili!...E quando vedi il cartello che ti dice che sei arrivato ...alla fine del mondo..civile!! ti senti gratificato...Ci sei..ma in realta non sei veramente arrivato...capisci che e solo un limite che noi ci poniamo..perche in realta la "fine del mondo" non c'e..c'è il limite che noi ci poniamo..in tutte le cose..e il traguardo che ci serve per andare oltre..oltre alle nostre "solite" cose..ai nostri soliti pensieri...alla nostra realta quotidiana!! ...direi quindi che bisognerebbe che ognuno appendesse in camera sua un cartella con scritto...Usuhaia...ma che non identifica nessuna citta e nessuna luogo..solo il limite che dovremmo cercare quotidianamente di superare..senza crearci troppi problemi e troppe fisime..la natura ci insegna che se abbiamo rispetto per lei ...vale il reciproco...e quindi...se noi abbiamo rispetto di noi stessi e di tuto quello che ci circonda...beh..possiamo arrivare dappertutto!!


Direi che tutto il resto l'avete messo voi ...chi con i suoi post..che rileggero con calma al ritorno ..chi leggendo solo e facendo le sue personali riflessioni..chi..pensando che tutto questo è solo perdita di tempo...null'altro...mi ha fatto davvero piacere condividere con voi questa indimenticabile esperienza!
Direi quindi grazie di cuore a tutti!!
Ora...un paio di giorni a ushuaia..quindi non e ancora finito;)) domani visita all'isola di san martin..in mezzo ai pinguini..per cui..per chi volesse ci saranno altre novita!!;))
intanto stasera per festeggiare...cena a buffet di carne..e malbec!! sempre col mio amico Tim!
Bene hasta luego besos a todo de la fin d

6 commenti:

giangi ha detto...

e bravo lui!!!!!
mi associo ai tuoi commenti,altro non si potrebbe dire......
........... . ....... ... ....... ......... .......... ......... ......... ...... .. ... ........ .....
quindi non aggiungo niente:ne riparleremo quando avrai metabolizzato il tutto.

solo una cosa.sarai stato davvero molto stanco negli ultimi 20 km per non accorgerti che quella che sentivi non era una fastidiosa pioggerellina,ma gli spruzzi dello champagne che cadeva dalle bottiglie degli dei,che brindavano alla tua impresa dalle nubi sopra di te... (vai coi violini,sfuma verso il cielo e.....taglia!) ;-)

ciao fili,solo una parola:COMPLIMENTI!!!!!!!!!!!!!!!!

Ligernano ha detto...

Finalmente Sul rettilineo finale dei Campi Elisi, solo che al posto del mitico Arco di Trionfo a testimoniare la tua impresa un cartello intarsiato e, al posto di una coppa o di un medaglia ,...il buco dell'ozono sulla testa a mo' di corona...però credo che sia una gran liberazione arrivare alla meta, all'estremo sud del mondo come avevi previsto, come avevi sperato. Perchè l'esito di un viaggio così lungo non è scontato e chissà quanti altri temerari hanno abbandonato prima di raggiungere la meta...credo che i tuoi compagni di viaggio occasionali siano delle eccezioni rispetto alla norma dei tipi che si mettono in viaggio con la bici...così...per sport. Alla fine quello che resta dei tuoi racconti è una ricchezza di esperienze, di sensazioni, di pensieri cui hai tentato di introdurre noi lettori assidui del blog. Credo però che il vero senso di quello che hai compiuto, di quello che hai visto, rimarrà segreto per noi che non c'eravamo, e lo si può intendere anche dalle considerazioni filosofiche del post di oggi. Leopardi due secoli fa si era arreso alla potenza e al menefreghismo della natura, tu oggi proponi un rapporto non certo di collaborazione ma di mutuo rispetto. (e meno male che non ti sei arreso...perchè Leopardi è vissuto per anni a tossire in una biblioteca, mentre produceva armi di distruzione di massa per studenti). Adesso rilassati però..Se vedemo!!

Giorgio ha detto...

Grandissssimo Marco!!
Che dire?? Soddisfazione! E' bello vedere la tua soddisfazione nella foto e leggerla in quello che scrivi! Te si deventà un vecio saggio! Vai Marco!

Aldo e Manu ha detto...

Ora ci siamo, lo striscione che indica la tanto agognata meta l'hai superato. La foto ci mostra la tua grande soddisfazione e se vuoi anche il sollievo piscologico di essre riuscito ad arrivare la dove ti eri imposto di arrivare. Bravo, bravo veramente, hai compiuto un'impresa non da poco,impresa che per molti solo a sentirla nominare fa accaponare la pelle. Ora per noi che siamo a casa ci sembrerà di essere un pò orfani di così tante emozioni che ci hai fatto provare, che ci hanno coinvolto per così lungo lasso di tempo. Ora goditi il giro della città rilassati che rientra nella lunghezza d'onda che è il ritorno.
All'andata avevi più di 25 Kg. di bagaglio, ora al ritorno sei più pesante, ma di un peso che la bilanca del cek in non è in grado di pesare. Ciao Marco complimenti
ancora e attendiamo di leggere i tuoi ultimi spot "dalla fine del mondo"
Un abbraccio

Andrea ha detto...

Oh bischero. E l'è i' tu cugino che ti scrive. Si potrebbe aggiungere: Oh bucaiolo come tu stai? Ma in dò tu se' ito, in c... a i' mondo. Siamo qui insieme alla tu' sorella. Ora torniamo seri. Sie (perchè ze Rovigotto) un grande, sei in capo al mondo e tutto questo in bici. Incredibile. Oggi avevamo provato a scrivere ma dopo un po' abbiamo perso il papiro che avevamo scritto. In particolare io dicevo alla vale: nei prossimi giorni gli scriverò ancora. E la vale mi dice: guarda che un po' tardi perchè lunedì torna a casa. Dovevi pensarci prima. Vabbe' vuol dire che ti scivo domani e poi ci sentiamo a casa. Se non avete grqndi programmi per l'ultimo dell'anno pedala fino a Firenze, ti aspettiamo (la vale viene in macchina). Ok adesso ti salutiamo tutti calorosamente. Un abbraccio. Andrea, Silvia, Emma e quella ficona della tu' sorella che se non te lo sei scordato si chiama Vale. Ciao. Ciao Ciao.

angelo ha detto...

E VAI MARCO!!!!
Alla fine cel'hai fatta ad arrivare laggiù in fondo...
Mi spiace molto aver abbandonato temporaneamente le fila dei tuoi commentatori, ma mi si è fuso il computer e solo ora che sono riuscito a farmene installare un altro, l'ho aperto direttamente sulla immagine di te, così felice di aver portato a termine la tua grande avventura fino alla fine del mondo.
Ora siamo "fratelli di Patagonia", e penso che concorderai con me che questa "cosa" qui non appartiene alla categoria delle imprese (se non per se stessi), forse un pò a quella delle avventure, ma più di tutto a quella delle GRANDI ESPERIENZE DI VITA, quelle che ti lasciano dentro una traccia indelebile.
Sono convinto che la Patagonia ora ha "tatuato" anche te internamente e quegli spazi sconfinati,il rumore incessante del vento, i paesaggi commoventi e la generosità delle genti patagoniche ti accompagneranno sempre e ti faranno sentire ancora più in equilibrio ed in armonia con la natura, qualunque essa sia, e con gli altri, chiunque incontrerai sul tuo cammino.
Ora è il momento per te di far sedimentare queso lungo film fatto di emozioni, sensazioni ed incontri e poi...chissà quali altre strade ci saranno da percorrere in futuro; perchè per chi come te (e io no?) è innamorato di "questo nostro meraviglioso pianeta", la fine del mondo è solo una convenzione geografica, ma un limite non c'è ne ci sarà mai alla voglia di conoscere e di sperimentare.
Grazie ancora per le stupende pagine che ci hai regalato e buon rientro, ma soprattutto BUONA STRADA, qualunque deciderai di percorrere nel mondo e nella vita.
Hasta luego!
Angelo